corpo e movimento

Standard
Schermata 2013-03-24 a 18.49.13
Lezioni di ginnastica dolce
(organizzazione posturale e consapevolezza del movimento)
martedì e venerdì ore 19.00-20.00
tenute da Alessandra Luberti

Il lavoro proposto è basato su semplici esercizi coordinati alla respirazione, orientati allo sviluppo della consapevolezza di se stessi in movimento e a comprendere come utilizzare pienamente le proprie risorse.

La pratica del muoversi con consapevolezza produce stimoli del sistema nervoso, motivandolo a riorganizzare l’ assetto posturale e a renderne i  movimenti più fluidi ed efficaci.

Con questa pratica si conquistano nel tempo una migliore mobilità articolare, una più efficace coordinazione muscolare e un incremento positivo dei processi emotivi e del pensiero, riducendo lo stress e guadagnando uno stato di benessere generale.

Questo tipo di pratica prende spunto dai principi del metodo Laban/Bartenieff sull’ analisi del movimento e quelli del metodo Feldenkrais per la consapevolezza del movimento. E’ adatto a tutti coloro che vogliono scoprire potenzialità di cui non sono coscienti e a chi ha problemi di dolori articolari, artrosi e riduzione della mobilità.

E’ indicato anche per chi pratica assiduamente forme di sport e a chi si applica in discipline artistiche.

Laboratorio di movimento
(organizzazione posturale e movimento creativo)
mercoledì ore 10.00-12.00
tenuto da Alessandra Luberti
 
Il laboratorio sul movimento si articola in due fasi differenti, la prima riguarda esercizi che permettono di sentire il corpo attraverso il respiro e la percezione delle sue parti in maniera differenziata, per poi integrarle ad un livello superiore di organizzazione e funzionalità. La seconda parte esplora le qualità attraverso le quali il movimento si manifesta attraverso il peso, lo spazio , il tempo e  l’immaginazione. Il laboratorio è aperto a chiunque abbia curiosità di ciò che il movimento, attraverso la coscienza del corpo, porta alla luce e può essere seguito da ognuno al proprio livello di preparazione fisica. In questo tipo di lavoro è la vitalità del corpo ad essere favorita, nel tentativo di ri-svegliarlo e  di lasciare spazio al bisogno creativo individuale come tensione verso il superamento degli stereotipi e dei limiti che gli vengono continuamente imposti.

 

Danza contemporanea
(tecnica release corso base-intermedio)
venerdì ore 17.00-18.30
tenuto da Alessandra Luberti

La tecnica di base oggetto delle lezioni è la release tecnique, in cui si favoriscono l’uso della muscolatura interna, l’allineamento scheletrico e muscolare, la mobilità articolare e la fluidità del movimento. Il lavoro parte dal rapporto con la forza di gravità da terra fino alla verticalità e sviluppa  la dinamica nello spazio. Il lavoro è adatto a chi abbia una minima base in discipline sul movimento e sia curioso di sperimentare un linguaggio corporeo in continua trasformazione.

Tracce e Movimenti

Esperienze creative attraverso il corpo e il colore

Incontri tenuti da

Gabriella Fiore artista e arteterapeuta  

Alessandra Luberti coreografa e danzamovimento terapeuta

 

Mettere radici: la terra

19-20/01/2013

Trasformazione: il fuoco

23-24/02/2013

Profondità: l’acqua

23-24/03/2013

Levità: l’aria

20-21/04/2013

Mandala degli elementi

25-26/05/2013

Il percorso sarà guidato dall’esplorazione del movimento e dall’uso di materiali artistici a favore di un’esperienza creativa autentica e personale.

Il processo creativo nel tentativo di dare forma visibile e condivisibile alla propria percezione di sé e del mondo, rende possibile un’integrazione fra corpo, mente e anima. Data l’interdipendenza degli elementi corporei/motori e psicologici/emozionali, l’esperienza creativa diventa strumento di organizzazione e integrazione di quelle  parti che via via si manifestano. Questo processo permette la scoperta di nuove potenzialità e modalità di risposta e trasformazione del proprio vissuto e della propria relazione con il mondo.

Il lavoro sugli elementi naturali che esperiamo nel mondo fisico e che sono presenti in ognuno di noi a livello psichico, lascia emergere  forme e caratteristiche specifiche, queste  rispecchiano e soddisfano bisogni e desideri normalmente assopiti.

Il lavoro è aperto a chiunque abbia la curiosità di esplorare le radici della creatività e di contattare la propria energia vitale attraverso la commistione di movimento e materia. Gli incontri possono essere seguiti come un percorso intero o come singoli week end.

Ass. Cult. Compagnia Esse p.a.
c/o Officine Ouragan
P.zza Montevergini 2, Palermo
Info e prenotazioni
380/5079650

Convegno su Burn-Out e Volontariato

Standard

Di Serena Riina

Sabato 27 ottobre presso l’U.O. Isil in via G.La Loggia, 5 Palermo
Convegno su “burn-out e volontariato; l’arteterapia come strumento di prevenzione”
A seguire workshop di arteterapia aperto alle OdV CeSVoP
Da tempo è comprovato che la sindrome da BURN-OUT riguarda tutte le professioni d’aiuto, il volontariato pur essendo una scelta non è immune da questo fenomeno.
Il convegno si offre come spunto di riflessione per avviare un percorso di consapevolezza attraverso l’utilizzo dell’arte terapia, e riappro-priarsi della creatività come mezzo per miglio-rare il proprio lavoro.
Vogliamo sostenere gli operatori di volontaria-to di qualsiasi ente del terzo settore prima ancora che l’utenza, poiché è condizione di base che il supporto che le associazioni danno a chi ne ha bisogno sia positivo e funzionale, non deviato quindi da stanchezza o frustrazioni personali
Il workshop pomeridiano offre, inoltre, uno spazio reale e concreto ai volontari per sperimentare un’esperienza di arteterapia nell’ottica del benessere e dell’attivazione e riscoperta delle risorse personali.
Il benessere è un diritto di tutti e il volontario sano è una risorsa per la collettività.

Standard

In occasione del trentennale di Art Therapy Italiana le attività sul territorio siciliano

Quattro passi verso l’expò
trentennale di art therapy italiana

Sabato 9 giugno dalle 17.30 alle19.30
“Leggerezza”
Un’esperienza pratico-simbolica
Conduttori Gabriella Cinà, Vanni Quadrio
L’incontro è rivolto a tutta la popolazione
Galleria d’arte Spazio Parallelo, via della Libertà 34, Palermo

lunedì 11 Giugno 2012 ore 9.30
Lunedì 10 settembre 2012
“La dimensione estetica e crea tiva dell’esperienza”
Conduttore Bina Guarneri
Incontro di Arte Terapia per docenti
D.D. “G. Lauricella”-Agrigento
Istituto Comprensivo “Esseneto” Agrigento

Sabato 23 giugno orario dalle 10.00 alle 12.00
“L’arte dell’incontro. Operatori e minori stranieri non accompagnati:
un approccio possibile attraverso l’arteterapia”
Conduttore Adriana Falanga
L’incontro è rivolto a tutti coloro (operatori, educatori, psicologi, assistenti sociali,
mediatori culturali) che si occupano dell’accoglienza e della cura ai msna.
sede operativa cooperativa sociale No Colors, vicolo S.Carlo 44, Palermo

Sabato 8 settembre dalle 17.30 alle 19.30
“Palermo/Bologna, quattro passi verso l’expò”
riflessioni e progetti sulla professione dell’arteterapeuta
Conduttori Gabriella Cinà, Vanni Quadrio

L’incontro è rivolto a tutta la popolazione
studio di psicologia e Arte Terapia via M.Stabile 261, Palermo

a cura di Art Therapy Sicilia

Smile X-Storie di incontri e di pennelli

Standard

Di Chiara Verga e Ornella Giallombardo -Segretariato Studenti in Medicina Palermo http://www.sismpa.it/

Quando hai 19 anni, la mente piena di idee ed energia, pensare che almeno i prossimi sei anni della tua vita si esauriranno sui libri non è allettante. Così un giorno capita di essere riconosciute da un folle tra gli studenti e l’unica cosa che ti resta da fare è lasciarti trascinare dentro un mondo bellissimo, fatto di palloncini, giochi, sorrisi, legami.
La prima volta che entri in reparto per fare clownterapia provi emozioni contrastanti: da un lato c’è la voglia di lanciarti, dall’altro la paura di non sapere cosa fare, di non essere poi così speciale da cambiare la giornata di una persona. E tra l’altro è vero, sono loro, quelle piccole e tenere pesti che cambiano la giornata a te.
La prima volta in reparto significa entrare nella grande famiglia di Smile X, progetto nazionale del S.I.S.M. (Segretariato Italiano Studenti Medicina) che a Palermo è una realtà che esiste ormai da 8 anni, fortemente voluto da una giovane ma energica studentessa. Negli anni si sono successi tanti clown ma soprattutto tanti responsabili del progetto, che sono riusciti non solo a portarlo avanti ma anche a migliorarlo ogni anno di più, fino a contare quest’anno ben 180 clown. Quest’anno il progetto è cresciuto e la partecipazione è stata estesa a tutto l’ateneo di Palermo, riscontrando un enorme successo.
Ogni giorno un diverso Reparto dell’Ospedale dei Bambini viene invaso letteralmente da un gruppetto di clown capitanati da un capoclown, che dirige con un pizzico di follia i suoi ‘ piccoli’.
Ma non ci ‘accontentiamo’ dei turni quotidiani e ci lasciamo coinvolgere in mille progetti, collaboriamo con associazioni, esterne al progetto, che come noi hanno l’obiettivo di alleviare le sofferenze del bambino e non solo, a Dicembre siamo impegnati con le gare di nuoto dei bambini diversamente abili alla Polisportiva, e con l’UBUNTU, che è un’associazione che si occupa dei bambini extracomunitari, e abbiamo collaborato con l’AIL durante il periodo natalizio e pasquale, raccogliendo i fondi per la ricerca contro leucemie e linfomi, sia nelle piazze che direttamente nelle scuole elementari, e con la SPIA, il reparto di Oncoematologia Pediatrica del Civico di Palermo, e inoltre facciamo da supporto al Coro di Natale e all’Ospedale dei Pupazzi.
Nel tempo è sempre stata piu’ forte l’esigenza di incrementare il livello di formazione per i clown, per andare in reparto piu’ pronti, carichi, affiatati, e allora abbiamo aggiunto agli incontri con gli psicologi e gli psichiatri, quelli dedicati ai laboratori di Arteterapia insieme alla Dottoressa G. Cinà su misura per i nostri clown, sempre, naturalmente, pieni di giochi e colori. E quando la voglia di sporcarsi e colorarsi è diventata incontenibile, ci siamo lanciati nell’esperimento del primo Mini Meeting di Smile X a Palermo, esperienza unica ed entusiasmante che ha coinvolto un gruppo di clown o aspiranti tali per 2 giorni di crescita sia a livello professionale che a livello umano. Le riunioni svolte durante i due anni precedenti sono state solo un assaggio dell’entusiasmo e della carica che sono riusciti a sprigionare i clown messi insieme durante il meeting.
Il meeting è stato un contenitore di Fiducia, Gioco, Libertà e Legami tenuti insieme da una fortissima volontà di formare un gruppo.
Abbiamo imparato a sporcarsi le mani (e non solo!) per dare forma e soprattutto colore ai nostri pensieri, ad abbandonarci al gioco, a perderci nell’altro per ritrovarci alla fine in un progetto comune piu’ completi e finalmente ‘al nostro posto’.
Abbiamo imparato cosa è lo spazio, fisico e non, a convivere senza ignorarci , a creare dei pezzi che si incastravano perfettamente senza nessun vuoto d’aria.
Abbiamo imparato che parlare per trovare un punto d’accordo è chiarificatore, ma può esserlo molto di piu’ sporgersi nel mondo dell’altro attraverso un disegno, un colore, un abbraccio.
Ma soprattutto abbiamo sperimentato la Libertà di mettersi in gioco, e che per farlo non si può rimanere pettinati e con i vestiti puliti, con le emozioni composte, ma ci si deve mescolare, legarsi in maniera indelebile senza soffocare noi stessi e gli altri.
E riuscire a regalare queste ricchezze ai nostri piccoli bimbi e a trascinarli in questo mondo fantastico, lontani dalle sofferenza e dalle stanze squallide dell’ospedale è la cosa piu’ emozionante che ci sia.
Per riuscire a fare clown therapy non serve niente di speciale, basta solo un sorriso e un pizzico di pazzia che ti aiuta a superare le fasi iniziali di imbarazzo, poi tutto scorre autonomanente, perchè i
bambini sono bravissimi a coinvolgerti nel loro mondo giocando.
Un’asperienza di questo tipo, ti arricchisce molto l’anima e ti fa capire il significato delle cose importanti della vita, ma soprattutto ti fa capire che per curare il corpa devi prima riuscire a curare l’anima.

Chiaroscuri della Bellezza-Sguardi sul processo artistico e terapeutico

Standard

Art Therapy Italiana per festeggiare i suoi 30 anni di attività di promozione dell’Arteterapia e della Danzamovimento terapia organizza a Bologna 2 giornate ricche di eventi. Maggiori informazioni cliccando su expò 2012 e su http://www.arttherapyit.org

Mondrian

Standard

Piet Mondrian

Un video per ricordare quanto un grande artista, con l’apparente semplicità delle sue opere, ci richiama all’importanza del processo creativo e di costruzione di un’immegine. Semplice eppur irripetibile, dietro a forme e colori, un grande lavoro interiore, sia emotivo che concettuale.